Top Menu
DIVERTIRSI IN CUCINA CON I FIGLI

TRASCORRERE QUALCHE ORA IN CUCINA E DIVERTIRSI CON I FIGLI NEL WEEKEND AIUTA A CONDIVIDERE EMOZIONI E CONOSCERE IL CIBO,FAVORENDO UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE

 

Più volte abbiamo sottolineato come le emozioni siano importanti per i nostri ragazzi, il fatto di viverle ed esprimerle correttamente, aiuta loro ad affrontare la vita con un atteggiamento sereno e felice.
Sappiamo bene che il cibo ha un forte impatto sulle nostre emozioni. Il nostro paese ci è di grande ispirazione, tant’è che la cucina mediterranea è vista, in molti stati, come la cucina più completa e salutare, degna di fare, in qualche modo, da esempio.

Sicuramente, nella nostra vita, ci è capitato di assaggiare dei piatti che hanno risvegliato, all’istante, la nostra memoria,  sia per quanto riguarda il gusto che per il profumo, riportandoci nel passato, per esempio, ad un piatto cucinato della nonna o da una zia.

Emozioni. Mangiando, si vivono emozioni, sia soffermandoci sul gusto del piatto, sia collegando il sapore a particolari momenti della nostra infanzia o a situazioni che ci hanno dato particolare piacere.

 

LASCIARE LE CHIAVI DELLA CUCINA AI FIGLI

 

“E’ una storia d’amore la cucina. Bisogna innamorarsi dei prodotti e poi delle persone che li cucinano.”
Alain Ducasse

Ogni tanto concediamo ai nostri figli di entrare nel nostro regno, facciamoci aiutare tra i fornelli, prepariamo insieme un bel pranzetto o una romantica cenetta in famiglia.
Se mangiare evoca emozioni, perché non dovrebbe farlo anche il cucinare?

Vi è mai capitato di dedicare alcune ore alla preparazione di qualche specialità o piatti succulenti?
Vi ricordate com’è finita?
Provo a indovinare, ore di lavoro che si volatilizzano in pochi minuti, prelibatezze che spariscono come disintegrate da  un misterioso raggio laser.
Allora, perché, non allungare la “vita” dei piatti speciali, facendoci aiutare dai nostri figli?

 

TUTTI TRA I FORNELLI

 

“Si cucina sempre pensando a qualcuno, altrimenti stai solo preparando da mangiare.”
Egyzia, Twitter

Mi piace molto cucinare, ma è, soprattutto, durante il weekend che riesco a dedicare più tempo ai fornelli. Mia figlia, spesso, mi aiuta, devo ammettere che è un valido aiuto, ma non è sempre stato così.
Ora è adolescente, ma, ricordo quando era più piccolina, in cucina non era molto disinvolta,  non poteva essere diversamente.
Per i bambini più piccoli cucinare è un gioco e come tale va affrontato. L’impegno, per noi genitori, è doppio.
Detta molto simpaticamente, dobbiamo rimediare a qualche pasticcio e, allo stesso tempo, deve essere tutto pronto per l’ora di pranzo o di cena.

Un buon consiglio è quello di parlare in continuazione, descrivere e coinvolgere. Io uso spesso la parola “creare” piuttosto che cucinare, mi aiuta a dare più importanza, nel caso mia figlia mi aiuti, inoltre, crea la possibilità di provare qualcosa di nuovo e di diverso.

F.U.P.

È importante mantenere sempre la calma, in caso di errori si cerca di rimediare. E’ capitato spesso, ma dobbiamo fare, sempre, in modo che i nostri figli siano nella condizione di essere rilassati.
Mia figlia non ricordava mai il giusto ordine degli ingredienti per impanare, allora cominciai a dire “f.u.p.”,  altro non è che l’acronimo di “farina, uova e pangrattato”, parolina simpatica che ci ha aiutato molto.

CUCINA SICURA

Quasi una ovvietà, ma solo ora, che mia figlia è adolescente, usa coltelli e pentole calde, ma ancora sotto il mio controllo. La cucina è un posto dove avvengono moltissimi incidenti domestici, anche agli adulti.
Cucinare è un’arte. Se pensiamo che cucinare sia tempo perso, soprattutto per le nostre generazioni, invito a visitare questo magnifico sito, approfondisce svariati aspetti della cucina e del cibo, dando inoltre moltissime informazioni su come comportarsi e coinvolgere attivamente.

Nel prossimo articolo parleremo dell’autunno, una stagione affasciante. I colori di questa stagione sono un’occasione unica per vivere delle nuove esperienze in famiglia. Avete mai abbracciato un albero?

Un abbraccio a tutti i genitori.
Claudio De Cassan
Autore del libro “Il bosco e le sue avventure”.

 

 

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close