Top Menu
shutterstock_119611549-640x427

7  CONSIGLI PER COMPRENDERE E SODDISFARE I BISOGNI DEI NOSTRI FIGLI

Noi  genitori abbiamo il dovere di soddisfare i bisogni dei nostri figli, dalla nascita fino all’età adulta.
Non mi riferisco ad avere un tetto, tre pasti al giorno e dei vestiti da indossare, mi riferisco ai bisogni  fondamentali, bisogni  che non hanno un costo economico, ma, sono i bisogni che noi genitori soddisfiamo con l’amore e la presenza.
In una società sempre più affollata di offerte, i nostri figli sono distratti dalla tecnologia, dalla tv, dai videogiochi e tanto altro ancora.
Questo, spesso, a discapito del contatto umano che, dovrebbe esserci, con mamma e papà.
C’è una diffusa carenza di interazioni e di contatti, anche fisici.
Vediamo in 7 consigli, come soddisfare i bisogni  dei figli, affinché crescano capaci di gestire le proprie emozioni in un contesto di crescita sano e sereno.

1. A come Amore
2. Più qualità che tempo
3. Contatto fisico
4. Tempo libero costruttivo
5. Coerenza
6. Scuola
7. Amici

Sentire l’amore dei genitori, è il primo dei bisogni.
Potrebbe sembrare scontato ma, a volte, noi genitori non sempre riusciamo a manifestare i nostri sentimenti.
Questo accade nei momenti nei quali siamo più vulnerabili: stanchezza, stress,
giornate piene di impegni rischiano di distoglierci da chi amiamo.
I nostri figli hanno bisogno di essere al centro dell’attenzione di mamma e papà.

I genitori di oggi sono sempre molto impegnati, è un problema ricorrente in tutte le famiglie, c’è sempre poco tempo e tanto da fare.
Per questo motivo, soprattutto la sera, diventa indispensabile la qualità dei rapporti con i figli, piuttosto che la durata.
Essere disponibili a fare ciò che piace a loro, non significa solo accontentarli, ma anche farli sentire importanti, al centro dell’attenzione.
Il contatto fisico è molto importante. Il modo in cui ci si rapporta, cambia a seconda dell’età, naturalmente.
I bisogni  di coccole di un dodicenne sono diversi da quelli di un bambino di due anni o meno.
Per i più grandi, a volte, basta una pacca sulla spalla come incoraggiamento, magari accompagnato da un:” come va, tutto bene”?
Per i più piccoli ci vuole molta più fisicità, prenderli sulle gambe, tenerli stretti e raccontare loro una storia.

Tra i bisogni, lo svago è quello che viene vissuto sicuramente con più gioia, sia dai figli che dai genitori.
Giocare, non solo con gli amici, ma anche con mamma e papà, nel tempo libero, è fondamentale.
Vedere i propri genitori spensierati e al di fuori dalla normale routine, è un momento importante per i figli, scoprono il loro lato divertente.
Meglio se si approfitta della bella stagione per restare all’aperto e fare attività fisica.

Coerenza è rispettare gli impegni presi. Non promettete se non siete sicuri di poter mantenere la promessa.
I figli hanno bisogno di certezze, manifestano sicurezza se ci sono basi solide.
Non riescono a gestire emotivamente repentini cambi di programma.

I bisogni  relativi alla scuola non vengono soddisfatti solo dai genitori, ci sono gli insegnanti e i compagni.
In caso di difficoltà, mamma e papà non sono chiamati a difendere i propri figli a spada tratta, hanno bisogno di vivere in comunità, di relazionarsi, rispettando le regole.

Imparare a farsi degli amici.
Crescere significa essere in grado di coltivare delle sane e durature amicizie.
Questo deve avvenire fin da piccoli.
Qui l’aiuto dei genitori è importantissimo, aprire la casa agli amichetti per giocare insieme, è solo l’inizio di quelle che potranno diventare delle forti amicizie da far durare nel tempo.

I bisogni  dei nostri figli, a volte, vanno contro le nostre priorità.
Ci possono costare sacrifici, in termini di tempo, in termine di coinvolgimento e di voglia di fare qualcosa di diverso.
Dobbiamo ricordarci che sono solo attimi veloci, rispetto a un’intera vita. Godiamoceli fin che sono piccoli.
Questo ci viene detto anche da chi ha figli grandi. Sembra un consiglio di chi ha del rimorso, di chi non ha fatto abbastanza.

Siete pronti a soddisfare i bisogni  dei vostri figli?
Anche se costa sacrificio?

Nel prossimo articolo parleremo dei weekend e del tempo libero in famiglia. Cosa fare e dove andare.

Un abbraccio a tutti i genitori.
Claudio De Cassan
Autore del libro “Il bosco e le sue avventure”.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close