Top Menu
merenda a scuola, cosa mettere in zaino?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A MANGIARE CIBI  SANI A SCUOLA. MERENDINE CONFEZIONATE, BISCOTTI, SNAK E PATATINE SONO UN ESEMPIO DI CIO’ CHE MANGIANO A MERENDA

L’obesità infantile è in aumento nel nostro paese, questo è un dato di fatto che deve farci riflettere.
La causa è un’alimentazione scorretta, cibi poco sani e quantità abbondanti, oltre a poco movimento e sport.
Occorre intervenire sia tra le mura domestiche, proponendo cibi più sani, che a scuola, aiutandoli a scegliere la merenda giusta.

Non è semplice, si deve lottare contro merendine pratiche e  gusti invitanti.
A merenda, uno snack che si apre molto facilmente e di sapore irresistibile è di gran lunga il cibo preferito dai bambini e dai ragazzi.
E’ comprensibile, capita anche a noi adult i di cadere nel tranello, magari non lo chiamiamo merenda, preferiamo chiamarlo spuntino.
L’ho chiamato tranello perché è la via più semplice, quella che costa meno fatica.
Lo so perché lo faccio anch’io.
Sbucciare una mela richiede più tempo, se deve essere per forza un frutto, preferiamo la banana, molto più veloce da sbucciare e più dolce, o l’uva, altro frutto molto pratico.
E’ ovvio che, agendo in questo modo, non posso essere un esempio e uno stimolo per mia figlia.
Infatti, la cosa migliore per educare ad una sana merenda a scuola, è iniziare fin da piccoli a casa.

Non bisogna obbligare i nostri figli a mangiare ciò che vogliamo noi, è meglio giocare un po’ d’astuzia.
Avere troppe alternative non aiuta, la dispensa piena di merendine confezionate è una tentazione continua a merenda.
Iniziamo con il fare la spesa in modo più corretto, è lì che possiamo fare la differenza. Compriamo più frutta e meno merendine confezionate, cerchiamo che, in casa, ci sia sempre una varietà di cibi “sani”.
Lo scopo della merenda a scuola è dare energia e integrare i pasti principali.
Non bisogna appesantire la digestione, sarebbe controproducente da un punto di vista scolastico, con conseguente calo di attenzione.
Troppe calorie posso portare sonnolenza.

COSA PORTARE A SCUOLA A MERENDA?

La merenda nelle scuole è un momento di socializzazione con i compagni, anche le merendine e snack seguono la moda, specie se pubblicizzati in tv.
In questo caso l’educazione a casa è fondamentale, non è assolutamente facile, ma dobbiamo provare e fare del nostro meglio senza insistere ne’ obbligare, ma cercando di contagiare e coinvolgere.
Per aiutarti in questo, ti indirizzo in questo sito, clicca qui e troverai degli ottimi suggerimenti per agire da subito.
Comunque possiamo, già a casa, iniziare a fare un po’ di pratica.
A metà pomeriggio possiamo proporre della frutta tagliata a pezzettini, con l’aiuto di uno stuzzicadenti, i bambini/ragazzi potrebbero divertirsi a svuotare il piatto.
Ricordiamoci sempre della sana spremuta d’arancia.

Nel prossimo articolo parleremo dell’insicurezza e di come aiutare i nostri figli a coltivare l’autostima.

Un abbraccio a tutti i genitori.
Claudio De Cassan
Autore del libro “Il bosco e le sue avventure”.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close