Top Menu
scuola costruttiva

VACANZE FINITE E TUTTI A SCUOLA. TORNARE TRA I BANCHI È UN IMPEGNO, AFFINCHÈ NON DIVENTI FONTE DI INUTILI LITIGI, SCEGLIAMO UNA SCUOLA COSTRUTTIVA

Tornare tra i banchi di scuola può mettere a repentaglio la pace familiare. Si rischia di passare, da un clima disteso delle vacanze, a momenti di tensione, incomprensioni, urla, litigi e castighi.

L’impegno dei genitori è conciliare lavoro e faccende domestiche con l’orario scolastico. Portare i figli a scuola e andare in ufficio, tornare a prenderli e portarli dai nonni, rincasare la sera e preparare la cena sono tutte attività che, singolarmente sono piacevoli e rilassanti, ma, ripetute ogni giorno, rischiano di diventare fonte di stress e motivo di incomprensioni.

Fosse finita qui sarebbe già una giornata tosta, ma, ovviamente, ci sono i compiti da controllare o lo studio da verificare. Quasi sicuramente i nostri figli praticano uno sport, tutto questo raddoppia se i figli sono due o più!

CONVIENE UNA SCUOLA COSTRUTTIVA?

Arrivati a questo punto direi che è di vitale importanza scegliere una scuola costruttiva.
Partire con il piede giusto è fondamentale, se poi scegliamo di avere anche l’atteggiamento giusto, diventa tutto più facile.
C’è tutto da guadagnarci: tempo, buon umore, risultati e soprattutto soddisfazione.

“L’educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo.”
Nelson Mandela

COSA SIGNIFICA SCUOLA COSTRUTTIVA?

In parole povere l’ho già spiegato prima parlando di scelta e atteggiamento costruttivo.
Per quanto l’alunno sia bravo a scuola, c’è sempre qualcosa che va storto: una materia ostica, una maestra o professoressa che non va troppo a genio, troppi compiti o poca voglia di farli, troppe distrazioni durante le lezioni, bullismo e, probabilmente, dimentico qualcosa.

Scuola costruttiva è una scelta di vita. Tra un’inutile polemica e una proposta costruttiva, secondo il mio parere, è più opportuna quest’ultima.
Lo scopo di noi genitori non è aver ragione su un professore o una maestra, non deve diventare una questione d’orgoglio per il proprio ego, è quello di far si che, in momenti critici, le cose vadano per il meglio, perché l’obiettivo è la formazione e la crescita dei nostri figli.

“ I maestri e genitori esistono per essere un giorno abbandonati.”
John Wolfendenn

Un ottimo clima di fiducia, una scuola costruttiva, tra genitori e insegnanti si riflette sull’educazione dei nostri figli in modo positivo, ovviamente accade anche il contrario.
Mai come, in questa circostanza, possiamo insegnare ai nostri figli a fare squadra.
Genitori e insegnanti hanno un unico obiettivo: crescere ragazzi responsabili.

Nel prossimo articolo parleremo dell’autorevolezza. Noi genitori, spesso, ci sentiamo impotenti, vorremo più rispetto e ubbidienza, ma, a volte, è quasi impossibile.
Infatti, qualche volta, serve proprio una sana sgridata, ovviamente senza esagerare.

Un abbraccio a tutti i genitori.
Claudio De Cassan
Autore del libro “Il bosco e le sue avventure”.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close