Top Menu
i-bambini-amano-gli-animali

QUALE GENITORE NON HA MAI RICEVUTO LA RICHIESTA DI AVERE DEGLI ANIMALI DOMESTICI ? 6 REGOLE DA TENER CONTO

Cani, gatti, canarini, coniglietti, criceti, pappagallini, tartarughe e altri sono tutti  animali domestici, sono i simpatici amici a quattro zampe, due ali o quattro pinne che ogni genitore prima o poi si sente chiedere dai propri figli.

I bambini sono attratti dagli animali fin da piccoli, è un istinto primordiale che ci porta a riconoscere, per primo, ciò che si muove nel nostro campo visivo piuttosto a ciò che è fermo.
Non sempre è facile assecondare questa richiesta, soprattutto per gli animali domestici più impegnativi come cani e gatti.

Quando, invece, decidiamo di accontentare i nostri figli, bisogna tenere ben presente che l’arrivo in casa di animali domestici  richiede un impegno costante da parte di tutti i membri della famiglia.

Un consiglio importante è quello di chiedere il parere a un veterinario. Se non si vuole prendere appuntamento di persona, ci sono, in internet, dei siti e forum dove l’esperto risponde, in questo modo la scelta sarà più azzeccata.

Ecco sei regole da sapere prima di accogliere in famiglia un nuovo amico:

1. Non è un giocattolo
2. Perché si
3. Perché no
4. L’igiene
5. Quando il pedigree non conta
6. Per sempre
Gli animali domestici  non sono ne’ dei giocattoli, ne’ dei capricci da soddisfare tanto meno una moda.
Bisogna ricordarsi che entrano in casa nostra dei membri della famiglia e come tali hanno esigenze e bisogni che vanno rispettati.
E’ chiaro che un pesce rosso ha bisogno di meno attenzioni di una cane, quest’ultimo ha bisogno di amore e coccole, dev’essere educato e, anche lui, come ogni altro membro della famiglia, ha le sue regole da rispettare.

Prendersi cura degli animali domestici  responsabilizza ulteriormente i nostri figli, li aiuta ad essere empatici e a capire i bisogni degli altri, è una palestra per i futuri rapporti  sia con i bambini che con gli adulti.
Mamma, papà e i fratelli più grandi supervisionano il rapporto dei bambini più piccoli con gli  animali domestici, sia per l’incolumità di quest’ultimi che dei nostri figli.

Rinunciare, per esempio, ad avere un cane è un grande gesto d’amore, significa essere consapevoli che, per vari motivi, non si è in grado di prendersi l’impegno.
Rinchiudere un amico a quattro zampe in una casa troppo piccola, costringendolo a rimanere da solo molte ore, non è voler bene agli animali, vuol dire solo essere egoisti e pensare solo a noi stessi e non ai bisogni delle creature domestiche.

Gli animali domestici  hanno bisogno di cure continue, visite periodiche del veterinario, vaccinazioni e bagni.
L’igiene è un bene per l’animale stesso e per tutta la famiglia.
Inoltre non bisognerebbe mai permettere a cani e gatti di avvicinarsi troppo alla nostra tavola dove mangiamo.

Gli animali domestici, è un po’ brutto dirlo, vengono acquistati e si possono scegliere.
Per chi deve prendere un gatto o un cane, la purezza della razza non dovrebbe essere così importante, ci sono molti amici sfortunati che vivono in condizione di disaggio e non aspettano altro che trovare una casa e affetto.
Vengono accuditi da volontari dal Cuore d’oro, spesso però mancano i mezzi indispensabili per garantire loro un tenore di vita adeguato.
In questi posti si può dare una casa a cani e gatti senza pagare, fare un’offerta è un grande aiuto, anche in cibo, ci mancherebbe.
Ecco due link dove puoi trovare il tuo amico, clicca qui e qui. Ce ne sono molti altri, basta cercare un po’.

Gli animali domestici  non sono dei videogiochi che si dimenticano nel cassetto, non sono dei vecchi libri che restano nello scafale a prendere polvere, sono dei membri della famiglia, hanno bisogno di noi tutto l’anno, tutta la vita, noi abbiamo bisogno di loro, altrimenti non sarebbero entrati nella nostra vita.
Gli animali domestici  scaldano il nostro cuore e quello dei nostri figli.

Nel prossimo articolo parleremo della gestione del tempo. Parleremo di come i nostri figli percepiscono il tempo che passa, di come e perché mamma e papà devono sempre richiamarli all’ordine .

Un abbraccio a tutti i genitori.
Claudio De Cassan
Autore del libro “Il bosco e le sue avventure”.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close